Chiusura scuola Stampa
Uno sfondo della biblioteca comunaleNocera Superiore. Le infiltrazioni di acqua piovana dei giorni scorsi, hanno causato il distacco di intonaci all'interno delle aule della scuola elementare e materna Luigi Settembrini di Nocera Superiore, per cui è stata interdetta ai bambini fino al prossimo sette gennaio. Hanno cominciato con due giorni di anticipo le vacanze natalizie i  piccoli alunni della principale scuola elementare e materna cittadina, a seguito di una ordinanza firmata dal commissario prefettizio Giustino Di Santo. Ieri mattina, infatti, il prefetto ha disposto che, almeno nei piani interessati, la scuola di via San Clemente fosse chiusa, in attesa di determinare l'urgenza e l'entità degli interventi da predisporre il più presto possibile per scongiurare il pericolo che pezzi di intonaco si stacchino dal soffitto o dalle pareti. La segnalazione delle infiltrazioni era partita, lunedì mattina, proprio dal dirigente scolastico, il professore Gino Bisogno, allarmato dalla quantità d'acqua permeata dal soffitto del secondo piano e in alcuni locali del piano terra dell'edificio. Dopo un primo sopralluogo effettuato dall'ingegnere capo del comune, Maurizio Colasante, a cui ha assistito anche il prefetto Di Santo, la decisione di interdire i soli piani superiori. Ieri, dopo un secondo sopralluogo, che ha interessato tutte le scuole presenti sul territorio, però, la decisione, in via del tutto precauzionale, di fare chiudere anticipatamente la scuola, così da poter consentire un più attento studio degli interventi da effettuare, probabilmente alla chiusura delle attività scolastiche. Sulle sorti delle classi interessate si saprà di più solo all'arrivo del nuovo anno. Con molta probabilità, i piccoli alunni delle sole classi quinte saranno ospitati dalla biblioteca comunale, poco distante dal plesso interessato dall'ordinanza.